Habitat
in
pericolo

Dalle Maldive al monte Everest, in diversi luoghi del mondo ho trovato incendi di spazzatura. Vogliamo che in nostro lascito archeologico alle generazioni future sia la spazzatura? Vogliamo che i nostri figli debbano respirare con una mascherina?

High altitude trash view of Everest, Khumbu icefall, Lothse, Nuptse, Lho La, 5500 m (17,800 ft) 27 May 2016

Caro Everest, io ti amo e credo che anche tu mi voglia bene, senz’altro mi hai risparmiata in tanti modi.

Siamo biologicamente programmati per amarti e ammirarti da lontano: ad altitudini superiori ai 7.000 metri le cellule umane muoiono, questa è scienza non cuore. Così ci ha fatti la natura.

Durante i dodici giorni della mia rapida salita ho visto persone scendere a tentoni dalla tua vetta, piene di meraviglia, shock e tristezza. Tanti sono morti quella settimana. Ho seguito le tracce che tutti lasciamo dietro di noi: la spazzatura, i cadaveri, la bombole di ossigeno, i rifiuti degli uomini lungo i tuoi fianchi: discariche ghiacciate, rischi ambientali surgelati.

Nella nostra epoca abbiamo deciso di ignorare le regole della natura; non dovremmo almeno farlo senza lasciare alle generazioni future una traccia permanente del nostro passaggio?

Vesuvio Mount Vesuvio, Naples, Italy, April 2018

Da millenni gli artisti narrano al mondo la bellezza e la potenza del Vesuvio. Avrei voluto poter mostrare un formidabile vulcano avvolto nella diversità ecologica della sua Fauna e della sua Flora così incredibili. I Protettori della Terra che mi hanno guidato attraverso questa desolazione chiamano il vulcano “la Nostra Montagna”. È la Nostra Montagna e questo è ciò che è diventata.


"E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce" (Giovanni, III, 19) (Leopardi, La Ginestra).

Disposable sunset - Panoramic 73.4214° E, 4.22860° N, Maldives, March 2016

Al mio arrivo, uscendo dalla stanza, mi sono trovata sulla spiaggia dell’hotel, magnificamente curata in tutta la sua naturalezza. Sull’acqua due bottiglie di plastica galleggiavano nel tramonto. Abbiamo trascorso i successivi cinque giorni a raccogliere le nuove visitatrici di plastica che sopraggiungevano con le maree, sotto gli occhi degli altri turisti ignari della tragedia che si stava compiendo. Ero l’unica che le cercava e l’unica che le vedeva. L’ultimo giorno abbiamo rimesso le bottiglie nel loro nuovo regno per qualche attimo e creato questo Sacrario del Tempo.


Nel 2050 il peso della plastica contenuto negli oceani sarà superiore a quello dei pesci.

Pink Flamingos Lake Elmenteita, Kenya, September 2014

Un lago vulcanico. Centinaia di cerchi di bellezza primordiale e sentimenti intensi, un anello di amore violento e sensi amplificati. Una spirale di vita e di morte.

Sono arrivati, come Tom aveva promesso, una rumorosa freccia rosa nel sole nascente. Sono atterrati in un'unica linea retta per evitare di sbattere l'uno contro l’altro. Ho catturato quel secondo di perfetta immobilità prima che iniziassero a nutrirsi. Una linea per proteggere il cerchio.


Sebbene questo sia un sito classificato dall'UNESCO come Patrimonio dell’umanità, recentemente l'aumento della pesca ha prosciugato il bacino idrografico di questo lago, il livello delle acque si è ritirato e il numero dei fenicotteri è diminuito drasticamente.

Iddu Cala Calcara, Panarea, Italy, July 2014

La prima volta che ho visto Stromboli ho avuto la sensazione di essere arrivata a una meta definitiva, alla fine del mondo. Un luogo di pace e contemplazione, un grembo gigantesco. Un segreto perfetto. Ci sono fumarole che respirano sulla spiaggia di Cala Calcara, circondate da cerchi di pietre, come in un susseguirsi di antichi rituali. Ho posizionato alcune pietre dipinte ai piedi del mio Sacrario del Tempo, e poi ho fatto in modo di rimetterle esattamente dove le avevo trovate. Voglio che voi sappiate che questo luogo esiste.

Il nostro pianeta sarà salvato dalla sua bellezza.

Pollution Shrine View of Pudong, The Bund, Shanghai, Pollution level 168 27th of May 2014

Sembrava già buio quella mattina, un'oscurità respirabile, di una sfumatura rosa del grigio, una sensazione sottile e surreale di suoni muti. Tutti noi indossavamo maschere, i nostri scambi ovattati ridotti all'essenziale. Quando ho finito la mia installazione erano le 16 e la città aveva già bisogno di luce artificiale. Ho messo in primo piano alcune peonie e maschere per respirare e poi ho deciso di strapparle tutte a brandelli.


L'inquinamento atmosferico è la più grande causa ambientale di morte nel mondo. Uccide oltre 9 milioni di persone all'anno, quindici volte più che quanti muoiono per guerra e per qualsiasi forma di violenza.

Urban Shrine Shangai Shanghai, April 2014

Non mi aspettavo di imbattermi in un baccello di vita naturale così resiliente nella mia spedizione sui tetti di Shanghai. Abbastanza forte per onorare il potente segreto del fiore di loto, le sue radici piantate in profondità nel terreno, ma che galleggiano sull'acqua e abbracciano apertamente il cielo grigio. Ho aggiunto nel TimeShrine il potere di un drago scolpito e ho unito i quattro elementi in Uno.


Viviamo nel primo secolo urbano. Quando pianificate, costruite e governate bene, le città possono essere potenti agenti di cambiamento positivo. Possono aiutarci a proteggere l'ambiente. Abbiamo bisogno di una nuova visione di urbanizzazione.

Spirit Tree CASHIBOYA RIVER, AMAZON, PERU, DECEMBER 2017

Mi hanno detto che ero il primo straniero a mettere piede in quelle zone. Avevo viaggiato molto per raggiungere un luogo così remoto, dove poter trovare una foresta vergine e percepirne la magia. Un luogo che rende possibile la nostra vita sulla terra, dove gli alberi conversano liberamente e possono diventare vecchi e saggi. Un luogo al quale gli umani non appartengono, ma dove talvolta possono sentirsi benvenuti.

La foresta pluviale amazzonica produce circa il 20% di tutto l'ossigeno del pianeta. Ogni anno perdiamo 7,6 milioni di ettari di foreste, equivalenti a 27 campi da calcio ogni minuto (fonte: WWF).